Poltrone Vintage

Ami l’arredamento vintage? Allora perché non pensare a un bel salotto con una poltrona vintage, ti darà comfort e stile creerà uno stile unico alla tua casa, al tuo salotto o alla tua camera da letto. Se poi oltre alle poltrone vuoi anche il divano, allora non aspettare, acquista online il tuo nuovo salotto.

Poltrone in velluto vintage

Sono poltrone che ti tufferanno indietro negli anni, nel passato che ti regaleranno momenti rilassanti nel tuo salotto rétro. Con questa poltrona potrai rilassarti tranquillamente, da solo o in compagnia.

Poltrone in pelle vintage

Questa tipologia di poltrona ti donerà comfort e calore, proprio come quelle della nonna, di quando andavi a trovarla. Questa poltrona degli anni 60, 70 e 80 darà una nuova vita al tuo salotto vintage e ti regalerà piacevoli momenti.

Poltrona vintage in stile barocco

Questo stile di poltrona è un classico, un must nel suo stile. Infatti il suo stile è romantico e ideale per creare un salotto molto ricercato e sofisticato, diventando il centro del tuo salotto e tutti lo ammireranno.

La poltrona vintage

La poltrona è da sempre il luogo ideale dove potersi rilassare, guardare la televisione o leggere un buon libro, ed è l’oggetto più originale nella storia dei mobili e dell’arredamento. É nata proprio per dare più agio e comodità rispetto a una normale sedia ed è un componente d’arredo che si adatta alla perfezione a qualsiasi stile di arredo. Anche la poltrona vintage o antica può inserirsi perfettamente in un arredamento di stile moderno, donando alla tua stanza stile, armoniosità ed equilibrio con gli altri mobili. La poltrona è sempre in continua evoluzione, dai tessuti alle forme e ai materiali con cui vengono costruite. Nell’antichità le poltrone erano un “surrogato” leggermente più comodo della sedia, nel 1600 iniziarono a essere realizzate con la seduta larga, con lo schienale e braccioli, dove sia il rivestimento della seduta e dei braccioli erano imbottiti e rivestiti di tessuto molto pregiato come la seta e il velluto. Solo a partire da quell’epoca i mobilieri francesi si sbizzarrirono a creare sempre poltrone diverse e adatte principalmente per adornare i saloni della nobiltà. Crearono poltrone a “pozzetto”: con forme concave rispetto alle precedenti poltrone realizzate e molto più avvolgenti, le poltrone “à la reine”: con lo schienale in legno intagliato, sia dipinto che dorato, oppure poltrone che consentivano addirittura di poter distendere le gambe. Ma in quell’epoca furono realizzate anche le prime poltrone a dondolo o i pouf. Nel corso del tempo la poltrona non veniva visto come un posto dove stare seduto comodamente e funzionale ma come vero e proprio elemento decorativo, quindi il design della poltrona mutò in forme, proporzione, altezza e rivestimento. Se si considera che per una sedia l’altezza va da circa 45-50 cm per la poltrona può addirittura essere abbassata a 30 cm, da qui nascono le famose poltrone artistiche come ad esempio quelle di Gio Ponti, Vittorio Introni e Ico Parisi.

Tipologie di poltrone nel corso degli anni

Nel corso dei secoli tante sono state le poltrone studiate e realizzate e che hanno dato un imprinting alle poltrone moderne. Le poltrone più famose, che tutti conosciamo operano sentito dire o perché le abbiamo viste esposte sono:

  • Poltrona Chesterfield: è una poltrona dallo stile molto classico ed elegante. É in uso fin dal 1700 ed è realizzata in cuoio o in pelle ed è una poltrona molto comoda;
  • Poltrona Bergère: questa poltrona risale al 1600 ed ha uno schienale alto, ai lati del poggiatesta lo schienale prosegue con delle orecchie creando quindi una linea sinuosa ed elegante. Questo stile di poltrona ha vissuto i suoi momenti d’oro specialmente nella nobiltà francese che veniva utilizzata durante le feste. La seduta è imbottita in modo tale da essere molto comoda e lo schienale è alto, ed è rivestita di tessuti pregiati;
  • Poltrona stile Luigi XV e Luigi XVI: questa poltrona rétro e quella in stile Luigi XVI sono molto leggere con forme molto raffinate e sinuose. A differenza della Luigi XVI la poltrona Luigi XV ha le decorazioni in stile floreale o vegetale, ed è rivestita con tessuti pregiati. La Luigi XVI invece ha una seduta molto comoda e larga ed ha uno schienale imbottita di forma ovale solitamente ma anche a forma di mongolfiera o di medaglione. I piedi della poltrona sono affusolati e decorati con sottili scanalature, ha braccioli creati con supporti curvi e imbottiti;
  • Poltrona in stile Impero: questa poltrona ha uno stile molto raffinato e ha linee classiche. È realizzata con vari tipi di legno pregiato e lo schienale della poltrona è di forma squadrata, con le gambe posteriori a sciabola e applicazioni in bronzo dorato. I braccioli sono sostenuti da un busto alato in stile egizio e i piedi sono scolpiti e possono incrociarsi ad X, ma solo in alcuni modelli;
  • Poltrone in Art Déco: questa poltrona ha forme sinuose e geometriche e hanno proprio lo stile di un divano moderno. La seduta della poltrona è bassa e larga mentre lo schienale è inclinato ed è costruita con materiali molto solidi come l’acciaio o l’alluminio.

La poltrona nella storia

La poltrona ha fatto davvero storia e si è evoluta continuamente, dalle forme più classiche alle più geometriche, dallo stile e dal gusto. Questo oggetto fece la sua prima comparsa nel XVI secolo proprio in sostituzione delle poltrone del 500. Nel corso degli anni sono state modificate sia la seduta che lo schienale, ma anche i braccioli e le imbottiture, i tessuti e il legno. In Inghilterra, nell’epoca di Carlo II le forme delle poltrone erano ancora molto austere ma fu proprio l’impronta degli arredi olandesi che nei primi vent’anni del XVIII secolo anche queste poltrone vennero “rinnovate”. Nel periodo Rococò si ebbe la prima vera rivoluzione della poltrona sia per quanto riguarda la seduta, lo schienale che i braccioli ma anche nei tessuti e nelle imbottiture. Le linee e le forme della poltrona appaiono più slanciate e proprio in questo periodo apparvero le prime sedie con congegni metallici che permettevano alla poltrona di potersi girare. Nel corso dei secoli subì varie e molteplici trasformazioni fino ad arrivare nel 1928 con la poltrona grand confort realizzata da Le Corbusier, per arrivare alla Poltrona Barcellona di L. Mies van Der Rohe realizzata in acciaio e cuoio.

Non importa se vuoi comprare una poltrona vintage degli anni 50, degli anni 60, degli anni 70 o degli anni 80, nel nostro negozio online troverai qualsiasi tipologia di poltrona rétro che soddisferà la tua voglia di rinnovo e donerà un tocco unico alla tua casa.